Una delle mie mete preferite in assoluto, New York è una città meravigliosa e immensa, sempre in fermento e ricchissima di spunti interessanti. Difficile descriverla in poche parole: del resto New York è sempre New York!

La prima volta che ci sono stata era il 1981: fu la prima tappa del mio viaggio di nozze, poi sono volata verso i Caraibi. Da allora ci sono tornata innumerevoli volte, girandola in lungo e in largo, scoprendo la bellezza di ogni quartiere e assistendo alla sua evoluzione nel corso del tempo.

Anche se negli ultimi anni forse non sta crescendo alla velocità esorbitante con cui cambiano le metropoli asiatiche, New York ha sempre il suo fascino. Città cosmopolita e dalle mille anime, la Grande Mela ha tutto, ma proprio tutto quello che si può chiedere: la sensazione, soprattutto quando la visitate per la prima volta, è quella di trovarvi al centro del mondo.

Se potete, vi consiglio di andarci durante i mesi meno rigidi o meno afosi, in modo da poter fare lunghe passeggiate alla scoperta dei suoi angoli più belli – uno su tutti, Central Park – circondati dall’incredibile skyline cittadino.

SOGGIORNO
Mandarin Oriental: sicuramente the best, gode di una vista impagabile su tutta Manhattan. Se lo considerate un po’ costoso – e in effetti lo è – concedetevi almeno un drink al bar del 35esimo piano, ne vale la pena!
The Mercer Hotel: nel cuore di Soho, è il mio preferito quando sono a New York. Decisamente cool, è perfetto anche solo per una pausa rilassante a pranzo o per il caffè.

RISTORANTI
Cipriani Downtown: è una sosta obbligata durante ogni mio tour di shopping a SoHo.
The Polo Bar at Ralph Lauren: ottimo per cena, offre la tipica cucina americana in un ambiente elegante e raffinato; il bar e l’area lounge all’ingresso sono il punto forte.
Le Bilboquet New York: perfetto sia per pranzo che per cena, è uno splendido locale in stile francese; la cucina e il servizio sono impeccabili.
Avra Madison Estiatorio: cucina greca, servizio eccellente,qualità ottima; se amate il pesce questo ristorante è davvero il top.
Baccarat Hotel: lo amo soprattutto per l’aperitivo; cristalli ovunque, i bicchieri sono uno spettacolo e l’ambiente è meraviglioso.

 

NOVITÀ
10CorsoComo: ha aperto da pochissimo a New York ed è già una delle mete più gettonate per lo shopping cittadino. Approfittatene per un lunch nell’ottimo ristorante italiano gestito da Alessio de Sensi.
Seaport: ultimamente l’intero distretto è stato completamente riqualificato e vale assolutamente la pena visitarlo. Tra l’alto qui ha appena aperto anche la nuova boutique SJP, che per chi non lo sapesse è la nuova label di calzature firmate da Sarah Jessica Parker.
Brooklyn: dall’altro lato dell’East River, vale sempre la pena farci una capatina, anche perchè ultimamente sta letteralmente rifiorendo,grazie a tantissimi nuovi locali, negozi e ristoranti. Se siete in zona non perdete una sosta sulla terrazza dell’hotel The Osprey, la vista è mozzafiato.

 

#LOLAROUNDTHEWORLD – GIGLIOLA MAULE
Una ricca disponibilità di informazioni su luoghi di grande fascino e sulle caratteristiche che li rendono unici. Di preziose indicazioni sulle eccellenze e sulle attrazioni di regioni, città, culture, popolazioni, stili di vita, che sono costantemente evocati e sognati per la loro esclusività/originalità.
Questa “miniera di conoscenze” nasce dalle esperienze vissute da una grande viaggiatrice, Gigliola Maule, che sarà con voi per aiutarvi a scegliere e godere delle bellezze dei viaggi e di nuove scoperte. La nostra “globetrotter” proviene dal mondo della moda, distributrice di marchi prestigiosi a livello mondiale. Viaggia molto per lavoro ma anche per piacere.
Per lei viaggiare è un modo di vivere. Un modo di vedere e percepire le atmosfere e la realtà che la circondano. Sin da bambina scrutava e puntava il dito sul suo mappamondo, segnando già allora le destinazione che intendeva raggiungere e conoscere.
Ma ancora oggi, in ogni luogo, la sua curiosità e l’amore per “il bello” la portano a cercare, in ogni parte del mondo in cui si trovi, il meglio in fatto di arte, di moda, di cucina, di ospitalità alberghiera, ecc….. Trova amici e nuove conoscenze ovunque e ne fa tesoro.
Ha sempre una nuova destinazione da raggiungere. Lei afferma che “è un modo per sopravvivere quando un viaggio, che tanto come sempre le ha dato, sta per finire”. Ma forse è solo una viaggiatrice incallita.