C’è un nuovo, delizioso, angolo di Francia a Milano: si chiama Oyster Bar e porta in tavola tutta la golosità del mare e dei suoi frutti più preziosi, con un format conviviale e glamour, pronto a stupire milanesi e non.

Il nuovo locale nasce dalla vision di Luca Guelfi, già celebre per ristoranti come il Canteen, il Saigon e Shimokita; dopo il successo della cucina messicana, vietnamita e giapponese, ora l’imprenditore ha deciso di viaggiare verso Normandia e Bretagna, portando nella capitale meneghina i prodotti più preziosi della gastronomia regionale francese. Ma, attenzione, perché questo non è il solito ristorante di pesce.

Oyster Bar è concepito come un luogo rilassato, accogliente, modaiolo sì, ma affatto inamidato: pochi i coperti, l’ambiente è raccolto, arredato con gusto, tra pezzi di design e suggestioni pop – basti guardare le belle lanterne le di Fuksas e Venini, o la divertente lavagna luminosa all’americana con il menù del giorno –, c’è un grande bancone nel centro della sala dentro cui lavorano una serie di esperti oystermen. Gli ospiti si siedono intorno, lasciandosi guidare in una degustazione a 360° nel mondo di ostriche, frutti di mare e crostacei: ci sono ben 20 diverse varietà di ostriche a disposizione, coquillage a volontà,  king crab e granciporro. E se il must sono senz’altro i crudi, è poi possibile scegliere tra una bilanciata proposta di piatti cadi e freddi – rigorosamente di pesce – come tartare, ceviche, caviale, carpacci e aragoste alla catalana.

Il tutto viene accompagnato da una lista berevrage interessante: da un lato una cantina di oltre 70 etichette di vini e champagne, ma anche 8 diversi Premium Gin e Vodka accompagnati da acque toniche ricercate, ognuna diversa in base al distillato.

Dove si trova il nuovo Oyster Bar? Ovviamente non poteva che essere vicino ai suoi fratelli: al 12 di via Archimede, a due passi dagli altri locali dell’imprenditore.

Oyster Bar
Via Archimede 12, Milano
02 2701 8937