Quando si parla di ristorazione milanese, Giannino è una garanzia. Uno di quei ristoranti cult, che dal 1899 ad oggi – seppur con vicende alterne – ha coccolato i palati di generazioni di milanesi (e non solo).

Dopo aver riaperto, si presenta oggi completamente rinnovato, tanto nell’offerta gastronomica quanto negli spazi. Ambientazione raffinata, 90 coperti tra grandi pannelli in legno e superfici specchiate, servizio attento e cortese, mise en place curatissima, una proposta alla carta che si fa ricordare grazie al menù dello chef Alessandro Rimoldi. Insomma, il nuovo Giannino colpisce ancora.

In tavola ci sono tutti i sapori della tradizione milanese, rivisitati all’occorrenza con un giusto tocco contemporaneo, ma non mancano anche le sorprese con ingredienti esotici e accostamenti gourmet: si va dai grandi classici come risotto giallo e cotoletta a prelibatezze interessanti come il foie gras caramellato con maionese di burrata, mango e acqua al tartufo di Norcia. Menzione speciale va fatta poi alle paste, rigorosamente fatte in casa, e ai dolci, anche questi di produzione propria. Come l’immancabile panettone – sfornato a regola d’arte secondo la tradizione meneghina – che diventa protagonista del menù natalizio, tra decorazioni e luminarie che fanno subito festa.

E per chi avesse voglia di un drink, non manca neppure quello, grazie al raffinato american bar, oggi guidato da Simone Volpato che propone una carta variegata di cocktail della casa e signature.

Giannino
Via Vittor Pisani 6, Milano
02 36519520