Di necessità far virtù: è così che da salva-vita oggi la mascherina è diventata anche accessorio salva-stile. Lo sa bene Mask-à-porter, brand produttore di mascherine sartoriali e made in Italy, capaci di coniugare alla perfezione eleganza, sicurezza e sostenibilità.

Un regalo bello da vedere, utile da indossare – da fare e da farsi: le mascherine sono infatti riutilizzabili fino a 20 volte e sono state studiate e progettate nel rispetto delle norme e indicazioni ministeriali, ma con il plus di un’estetica pensata per chi ama distinguersi in ogni situazione.

Sono infatti composte da due strati differenti: uno esterno realizzato in lana, velluto, seta e cotone, a seconda del modello, e uno interno in 100% cotone antibatterico e antigoccia.

“Un prodotto raffinato e sobrio, adatto a chi non vuole rinunciare al proprio stile, avendo cura dell’impatto ambientale di ciò che indossa”, raccontano dall’azienda. A condividere questi valori è anche la Fondazione LAPS fondata da Lapo Elkann: ecco perchè Cristi Isofii, CEO e Founder di Mask-à-porter, ha deciso di destinare il 10% delle vendite alla Onlus.