“Io e Daniela puntiamo sul coraggio femminile e sulla moda”. È più agguerrita che mai Cristina Parodi, che insieme all’amica di sempre Daniela Palazzi, qualche mese fa la lanciato il suo fashion brand Crida – il cui nome riprende proprio le iniziali delle due fondatrici.

Un sogno coltivato per anni e finalmente realizzato, il loro, anche se questo debutto nel mondo della moda non è certo stato facile. Lockdown & Co hanno messo in ginocchio l’economia, non ma la giornalista non ha dubbi: “Se questa benedetta ripresa arriverà, sarà anche merito delle donne che non hanno avuto paura di rischiare, magari non dormendoci la notte”.

Esattamente come Daniela e Cristina, che hanno dato vita ad una linea di abbigliamento che rispecchia appieno il loro stile e la loro filosofia nel vestire: una moda sussurrata più che gridata, facile da indossare, di qualità, sostenibile e ovviamente Made in Italy. Ed è proprio il bel Paese il punto di partenza della nuova collezione autunno-inverno 2020 di Crida: ogni capo ha il nome di una località italiana, a partire dalle città simbolo di questo travagliato momento storico, Bergamo e Brescia – una scelta che è anche un impegno preciso: sostenere la qualità del Made in Italy, l’economia del Paese e l’imprenditorialità al femminile.

I pezzi proposti sono semplici e chic, cool ma mai esagerati: un’eleganza timeless pensata per accompagnarci in ogni momento della giornata. “Oltre ai nostri classici carry over, dall’esperienza del lock down sono nati  i modelli Bergamo e Brescia, che rispecchiano lo stile di queste  bellissime città, e due nuovi abiti da sera lunghi, come il Firenze in chiffon fantasia e il Sorrento smanicato, con il collo a corolla finito dal cinturino di velluto – ha spiegato Cristina Parodi – Abbiamo creato tre modelli di abiti in cachemire e un capospalla veramente magnifico, il modello Vicenza: un cappotto di puro cachemire blu navy o nero, forma over, profondi spacchi laterali, estremamente attuale, perfetto per il giorno e la sera”.

Crida
cridamilano.it