Si chiamano Margot, Shudu e Zhi, e sono le tre supermodelle scelte da Oliver Rousteing per incarnare l’estetica Balmain.

Incarnare si fa per dire, perché “le ragazze” altro non sono che delle creazioni realizzate in computer grafica da Cameron-James Wilson. La mossa vi pare azzardata? Eppure le digital top model non solo stanno spopolando sul profilo Instagram della Maison indossando le uscite della nuova collezione Balmain ma stanno facendo incetta di like anche sulle loro pagine social personali.

Basti pensare che Shudu, la prima modella virtuale afro-black, ad oggi conta piú di 140 mila follower sui social; la bellezza di Zhi invece è decisamente più orientaleggiante, con tratti asiatici e uno stile fortemente rock; Margot, infine, riflette lo spirito classico dell’Occidente, con la sua chioma dorata e l’eleganza francese.

“Ho creato questa armata virtuale allo stesso modo in cui creo le mie collezioni”, ha raccontato il direttore creativo. E ha proseguito: “Sto ancora cercando le mie origini: sono cresciuto in un orfanotrofio e non ho mai conosciuto i miei genitori. Ciò che sto tentando di fare con l’esercito virtuale è di includere bellezze, forme, età e generi diversi tra loro. Questo è l’inizio di ciò che vorrà dire consegnare al mondo la diversità”.