Alcune delle più interessanti e rappresentative opere di VENINI sono state scelte per l’allestimento di “LUXUS – Lo Stupore della Bellezza”, la mostra promossa e prodotta dal Comune di Milano – Cultura, da Palazzo Reale e dalla Fondazione Stefano Zecchi. Un percorso di educazione estetica alla scoperta della storia e del concetto di Lusso a cura di Stefano Zecchi. L’evento è realizzato in collaborazione con La Fondazione del Teatro alla Scala, La Fondazione Il Vittoriale degli italiani, I Musei Civici di Milano, il Poldi Pezzoli e la Fondazione Gualtiero Marchesi.

 

Aperta al pubblico dal 12 luglio al 30 settembre 2018, l’esposizione prende vita nell’Appartamento di Riserva di Palazzo Reale a Milano e offre ai visitatori un seducente viaggio multisensoriale, esaltato da oggetti d’arte, scenografie, proiezioni di immagini e musica, e illustra, da un punto di vista storico e concettuale, i mutamenti dell’idea di lusso.

Un valore che, nella bellezza, ha accompagnato la cultura occidentale e quella orientale, tra l’antico e il moderno.

In questo tripudio di emozioni, tra tessuti preziosi e gioielli, tra profumi e mosaici, spiccano i capolavori in vetro di VENINI, sintesi perfetta di un lusso contemporaneo che nasce dall’incontro tra il valore estetico dell’oggetto in sé, trasfigurazione della sensibilità artistica che esso stesso sottende e l’unicità di una maestria artigianale ineguagliabile. Tutte le creazioni Art Light e Art Glass di VENINI vengono infatti soffiate e lavorate a mano dai maestri vetrai nella storica fornace che, dal 1921, fa da trait d’union tra la tradizione manifatturiera di Murano e il messaggio artistico moderno.

Nella stanza di ingresso, la maestosa architettura di luce Esprit colpisce subito lo sguardo dei visitatori con i suoi mille riflessi mentre nel primo ambiente, la “Stanza del Palazzo”, è collocato il Veronese, storico vaso di Vittorio Zecchin ispirato a “L’Annunciazione della Vergine” di Paolo Veronese.

Lungo tutto il percorso (700 mq) sono esposte alcune icone di VENINI tra cui le Clessidre del 1957, i Fazzoletti del 1948 e le opere Art Glass d’Autore come Ando Time e Ando Cosmos del grande architetto giapponese Tadao Ando, Geacolor di Gae Aulenti, Bauta di Gaetano Pesce, le bottiglie Alla Morandi di Matteo Thun e un prezioso servizio della collezione Ambasciata. La stanza Manon è inoltre arricchita da due capolavori di Art Light firmati Carlo Scarpa.

La manifattura d’eccellenza del vetro è un patrimonio che VENINI conserva e valorizza, promuovendone la trasmissione da una generazione a quella successiva. Un sapere antico e prezioso, autentico lusso che si distingue nel panorama artistico e del design contemporaneo.