Una cucina smart e intelligente, capace di parlare e interagire con chi la utilizza, preparando, organizzando e gestendo in autonomia quello che è forse l’ambiente più familiare della casa.

Sembra fantascienza, ma è già realtà: si chiama Hi Pedini ed è un progetto sviluppato utilizzando le eccellenze e le più avanzate tecnoligie prodotte da Pedini, Microsoft e Iomote in una logica di Open Innovation e contaminazione.

Di che cosa si tratta? Hi Pedini è una cucina unica al mondo che, grazie all’intelligenza artificiale, è in grado cioè di interloquire con l’utente, riconoscere immagini, scrivere e parlare. Che nella pratica si traduce in un piccolo grande mondo di azioni e funzioni capaci di migliorarci e semplificarci la vita.

Ad esempio controllare dal proprio smartphone i consumi, monitorare la qualità dell’aria e ricevere alert nell’eventualità di fughe di gas e perdite d’acqua, ma anche organizzare e gestire la lista della spesa, trovare ispirazione per nuove ricette, aprire e chiudere ante con la voce, svegliarsi con il caffè appena pronto programmando gli elettrodomestici, ma anche – per tutte le famiglie con bimbi piccoli – segnalare a mamme e papà quando vengono aperte ante che racchiudono detersivi oppure oggetti taglienti.

“L’ambizione di Microsoft è democratizzare l’Intelligenza Artificiale e siamo entusiasti di aver collaborato con un emblema del design Made-in-Italy come Pedini e con una startup promettente come Iomote alla realizzazione di questo progetto, che fa leva su Cloud Computing, IoT e ServiziCognitivi per abilitare un’interazione intelligente con quella che rappresenta un’icona della vita di tutti: la cucina – ha spiegato di Mattia De Rosa, Direttore della Divisione Cloud & Enterprise di Microsoft Italia – Hi Pedini è stata sviluppata in una logica 4.0 per semplificare la vita delle persone e offrire un’esperienza al passo con i tempi: grazie all’intelligenza artificiale la cucina è in grado di comprendere l’essere umano e di reagire in modo del tutto naturale, analizzando i consumi energetici, segnalando fughe di gas, programmando un’illuminazione ad hoc, gestendo la lista della spesa e perfino preparando il caffè in autonomia. Possibilità che sono già realtà e a cui si potranno aggiungere nei prossimi mesi altre funzioni in risposta alle esigenze dei consumatori moderni”.