Sara Giunti scende in campo a fianco delle donne con un’iniziativa charity da non perdere. Domani sera infatti la designer ospiterà nella sua boutique milanese un evento di raccolta fondi a sostegno di Wall of Dolls, che sin dalla sua nascita nel 2014 si occupa di aiutare le donne sopravvissute al femminicidio e i figli delle vittime.

La Onlus fondata da Jo Squillo e Francesca Carollo lavora per dare infatti supporto alle donne fuggite a situazioni di violenza domestica e ai bambini rimasti orfani in seguito a questo terribile trauma. I dati oggi purtroppo parlano chiaro: 62 milioni di donne in Europa sono vittime di maltrattamenti anche psicologici (in Italia se ne contano più di 6 milioni) e diventa assolutamente necessaria l’azione concreta – in termini di assistenza sia economica che psicologica – di associazioni e gruppi di volontariato come quello animato dalla giornalista e dalla conduttrice. Anche sensibilizzare l’opinione pubblica è importante: per questo l’associazione è divenuta celebre per aver realizzato a Milano il Wall of Dolls, ovvero il Muro delle Bambole, in via De Amicis 2, oggi simbolo di denuncia contro la violenza sulle donne, arrivato anche in altre città come Roma, Venezia, Genova e Brescia.

Il desiderio di poter fare qualcosa che faccia la differenza oggi ha portato Sara Giunti non solo a supportare la causa con una donazione a titolo personale, ma anche ad organizzare un importante evento: dalle 19 alle 21 di domani la boutique Saragiunti di Corso Matteotti 1 rimarrà aperta ad una vendita speciale. Alla serata parteciperanno le Fondatrici di Wall of Dolls Jo Squillo e Francesca Carollo, oltre ad altre importanti ospiti; esclusivamente per questa occasione, l’iconica borsa Monogram SARAGIUNTI, in versione color argento, sarà messa in vendita a un prezzo ridotto e parte del ricavato andrà a sostegno della Onlus.

“Racconto le donne attraverso le mie borse – spiega Sara Giunti – La loro delicatezza, la loro forza e le mille sfaccettature le rendono degli esseri preziosi e poliedrici. Da donna mi sento anch’io di dover portare avanti questo importante processo di denuncia che rappresenta inoltre una delle tante prove dell’evoluzione culturale e dell’emancipazione femminile. Sono felice ed onorata di sostenere questa importante causa.”

 

 

Saragiunti
Corso Matteotti 1, Milano
02 3919 8016