Si chiama Milano loves Italy il nuovo progetto che unisce i grandi player del fashion e le istituzioni per ridare slancio alla capitale meneghina. Parola d’ordine: fare sistema. E  ripartire più forti, insieme.

L’iniziativa vede protagonisti  White – che organizza l’omonimo salone – e  la neonata  Best Showroom, capace di riunire sotto la sua ala i più importanti showroom milanesi nel segno dell’eccellenza e dell’innovazione. L’obiettivo di entrambe è favorire la ripresa economica a partire dal settore della moda e dalla filiera produttiva del Made in Italy.

Gigliola Maule

“Milano deve essere promotrice del ritorno dell’Italia in prima linea – ci racconta Gigliola Maule, fondatrice di Best Showroom insieme a Francesco Casile, Mauro Galligari, Elisa Gaito e Giulio di Sabato – Deve riconquistare rapidamente la sua tradizionale funzione di polo di primaria importanza per tutto il settore moda, e non solo. E lo può fare trasformando un periodo di gravi difficoltà in una nuova opportunità di crescita ed innovazione, grazie ad una forte integrazione tra momenti e formule online e offline”.

Dopo 4 mesi di stop, quindi, e cogliendo appieno l’occasione della fashion week di settembre, Milano dà un forte avvio alla “ripartenza” e al rilancio, in un connubio strettissimo tra realtà fisica e digitale, della visibilità dei marchi e della attenzione dei buyer nei loro riguardi.

Una formula nuova e fortemente creativa accompagnerà questo percorso virtuoso. White promuoverà infatti la presenza di qualificate aziende italiane, in eventi e presentazioni accessibili anche in digitale. Inoltre, nella sua edizione speciale – White for Italy – continuerà a rivolgere la sua importante attenzione solo ed ancora ad imprese che producono in Italia. Ciò avverrà con la preziosa utilizzazione di un’innovativa piattaforma digital B2B, un supporto digitale ideato e realizzato esclusivamente per le esigenze di showroom e retailer, che potranno così avvalersi di un’importante spazio di comunicazione digitale e di vendita online. Ma un supporto utilissimo anche per tutti i buyer che, qualora impossibilitati ad essere presenti durante la kermesse meneghina, avranno comunque la possibilità di partecipare da remoto.

“Best Showroom – aggiunge Gigliola Maule – ha creato online, grazie a Wx Italia, una vera fashion house che risulterà strumento prezioso per showroom, agenti e distributori e soprattutto buyer. In sostanza, una vetrina d’eccellenza online e offline, che oggi riunisce 70 showroom e circa mille brand, con numeri peraltro in costante aumento, in un gioco di squadra che fa la differenza nel settore, ricollocando Milano nella posizione che le è sempre stata universalmente riconosciuta”.