Crédit Agricole scommette sulle startup, inaugurando a Milano il suo Le Village by CA Milano.

2.700 metri quadrati all’interno di un antico convento nel cuore della città, al 61 di corso di Porta Romana 61, Le Village è un vero hub dell’innovazione: è il primo in Italia ma il 30esimo a livello internazionale, un successo annunciato che costa già numeri promettenti, con 22 startup, 16 partner e 22 abilitatori presenti.

L’obiettivo? Scegliere, supportare e valorizzare le nuove realtà imprenditoriali del bel Paese, in particolare quelle operanti in serre diversi settori, le cosiddette 7F: Food, Fashion, Furniture – quelle legate alle eccellenze italiane –, Fintech/Insurtech, Future Mobility, France – quelle correlate a settori inerenti al Gruppo CA – e infine il Farmaceutico.

Nella pratica questo si traduce in un sostegno attivo alle startup coinvolte nel progetto attraverso una serie di servizi esclusivi, quali mentoring, programmi di formazione, coaching, incontri di matching con investitori e aziende corporate, supporto al fundraising e all’internazionalizzazione. Un modo concreto per aiutare le giovani aziende meritevoli e ad alto potenziale a spiccare il volo.

L’obiettivo – ha spiegato Gabriella Scapicchio, responsabile di Le Village by Crédit Agricole a Milano è quello di ospitare e sostenere circa 50 startup entro la fine del 2019 e quindi promuovere l’innovazione territoriale, favorendo la connessione tra eccellenze. Le giovani aziende possono candidarsi spontaneamente sul nostro sito o partecipare alle call for startup che periodicamente proponiamo nei diversi ambiti, le nostre 7 F. Tutte le nostre startup hanno la possibilità, di far leva sui Village in Francia e sul network internazionale di Crédit Agricole, per crescere anche all’estero. Ancora, hanno la possibilità di partecipare a importanti eventi di respiro internazionale, come ad esempio il Vivatech di Parigi e il Ces di Las Vegas”.