Ha riaperto i battenti durante la Milano Fashion Week il flagship store firmato Furla in Piazza del Duomo: un restyling che fa ancor più bella la capitale meneghina e inaugura una rinnovata stagione per la griffe italiana, pronta a cambiare look a tutti i suoi punti vendita.

“Siamo orgogliosi – racconta Giovanna Furlanetto, Presidente di Furla – di svelare questo nuovo entusiasmante progetto in questo momento così complesso. Abbiamo voluto comunicare un messaggio di ottimismo e resilienza perché crediamo fermamente che, a dispetto delle difficoltà di questo periodo, il mondo del retail fisico continuerà a essere particolarmente importante per un marchio come Furla”.

Il nuovo concept – che sarà anche la guida per le ristrutturazioni future – è stato sviluppato dal prestigioso Studio David Chipperfield Architects Milano, che per il marchio ha voluto uno spazio dallo stile elegantissimo e minimal, ma al contempo molto scenografico. La superficie della boutique è stata ampliata fino a 265 metri quadrati, andando ad inglobare anche un nuovo ambiente che sarà protagonista di eventi speciali e pop-up shops. I due piani, collegati da una grandiosa scalinata, sono caratterizzati da una serie di sontuose aperture ad arco, un motivo ricorrente che strizza l’occhio non solo al nuovo logo Furla, ma anche alle origini della Maison. La nuova sede celebra infatti le radici della griffe fondata a Bologna, la città dei portici per eccellenza.

“Lavorare in collaborazione con Furla e la famiglia Furlanetto per trovare un’espressione architettonica per questo marchio storico è stato un processo gratificante – ha raccontato l’archistar david Chipperfield – Insieme abbiamo cercato di interpretare la sua eredità sviluppando una storia per il prodotto principale – la borsa – nell’ambito di un nuovo spazio costruito”.

Gli interni del nuovo concept store Furla sono caratterizzati dall’utilizzo di superfici materiche – le pareti sono infatti ricoperte di terra cruda – che contrastano con la pavimentazione liscia rivestita in Pastellone. Lungo il perimetro del negozio sono disposte una serie di strutture modulari ad arco, con mensole in alluminio anodizzato che sfoggiano come gioielli le collezioni del brand: dalle borse alla piccola pelletteria, dagli accessori fino agli occhiali da sole. La versione scenografica e contemporanea dello stile di Carlo Scarpa viene arricchita dagli arredi di Angelo Magiarotti e dal “Talentum Tolerare”, un’opera d’arte al neon dell’artista americano Joseph Kosuth, a simboleggiare l’interesse per l’arte e per i talenti emergenti che da sempre vengono promossi dalla Fondazione Furla.

 

Furla
Piazza Duomo 31, Milano
02 89096794